Loretta Sebastiani

By: Loretta Sebastiani
     

Il Matrimonio

I documenti necessari per i vari riti, la comunione dei beni ...

La decisione di sposarsi comporta tutta una serie di preparativi tra cui una parte non trascurabile di carattere burocratico.
Innanzi tutto bisogna scegliere tra rito religioso e rito civile. Le coppie decidono ormai liberamente in base alle più diverse considerazioni e convinzioni. Sono fuori posto nell'attuale società i ricatti di genitori e parenti vari che vorrebbero orientare la scelta del rito in base ad opportunismi sociali o convinzioni religiose; le ingerenze, soprattutto quelle pesanti, potrebbero minare alla base la futura unione. É un consiglio alle famiglie che dovrebbe essere seguito in tutta la fase dei preparativi. Suggerire, dialogare, far meditare sì, imporre mai!
Una volta fatta la scelta, bisogna mettersi in moto. Di seguito vi proponiamo un piccolo vademecum utile per sapere i principali passi da fare.

Rito religioso

La coppia si deve presentare al parrocco della parrocchia di residenza con un congruo anticipo rispetto alla data desiderata; questo consiglio vale soprattutto per le grandi parrocchie in cui molte attività e funzioni devono essere programmate per tempo.
Nella visita iniziale si richiedono le informazioni che interessano e soprattutto viene fissata la partecipazione al corso prematrimoniale che può avere una durata variabile da poche settimane a qualche mese a seconda della sede. Il rilasciodel diploma o certificato di partecipazione al corso è requisito fondamentale per il rito religioso.
Sono richiesti poi il certificato di Battesimo e Santa Cresima, rilasciati dalla parrocchia o dalle parrocchie in cui sono stati celebrati.
Oltre a questa documentazione i futuri sposi vengono "interrogati", separatamente o congiuntamente, ma sempre benevolmente e con estrema simpatia, dal parroco della propria parrocchia sulle loro intenzioni.
A questo punto, espletate queste modalità e controllata tutta la relativa documentazione, il Parrocco affigge le pubblicazioni che debbono indicare le generalità degli sposi e il luogo dove verrà celebrato il matrimonio (che può anche essere diverso dalla parrocchia di residenza dei promessi sposi). Se le parrocchie di appartenenza sono diverse, le pubblicazioni devono essere esposte in entrambe. Tempo abbligatorio: otto giorni e due domeniche consecutive. Il parroco stesso che ha curato il tutto chiederà anche le pubblicazioni civili in Comune. Infatti, come si sa, il rito religioso ha anche effetto civile.

Rito civile

Oggi le pratiche si sono snellite al punto che basta presentarsi all'Ufficio di Stato Civile del comune di residenza di uno dei due sposi. Il funzionario provvede d'ufficio a richiedere ai comuni di nascita e di residenza di entrambi i documenti necessari. Ottenuti i documenti, fissa un nuovo apuntamento con la coppia e redige un verbale di pubblicazione e l'atto di pubblicazione stesso. Trascorsi otto giorni ci si può sposare. Non è più quindi necessario il vecchio iter del consenso davanti ai testimoni.
Ci sono comunque dei casi particolari in cui servono documenti aggiuntivi: vedovi, vedove, liberi di stato, minorenni, stranieri. Consigliamo di rivolgersi direttamente al comune di residenza per maggiori dettagli.
Nel caso di rito religioso l'unico documento che i futuri sposi devono presentare in comune è la richiesta di pubblicazione sottoscritta dal parroco.
L'Ufficiale di Stato Civile nel redigere gli atti chiede alla coppia se ha deciso per la separazione o la comunione dei beni. Se si opta per la comunione dei beni non è necessario alcun documento aggiuntivo. I cnniugi potranno poi, in qualsiasimomento, modificare il tipo di regime patrimoniale e quindi passare dalla comunione dei beni alla separazione o viceversa.
Questo argomento è molto delicato. Cercheremo di schematizzare le conseguenze di entrambe le scelte ma il suggerimento è quello di sentire comunque persone esperte e di rifletterci molto bene e seriamente.

Comunione dei beni

Comunione significa che la proprietà dei beni acquistati dopo il matrimonio è di tutti e due i coniugi enon è possibile una separazione di essi o un'amministrazione separata.
Le categorie dei beni che rientrano nella comunione sono le seguenti:

  • - gli acquisti compiuti dai coniugi, anche separatamente, dopo il matrimonio (casa, auto ...)
  • - i frutti dei beni propri di ciascun coniuge (interessi bancari)
  • - i proventi dell'attività separata di ciascun coniuge (stipendio ...)
  • - l'azienda gestita da entrambi i coniugi e costituita dopo il matrimonio
  • - gli utili e gli incrementi dell'azienda costituita prima del matrimonio da uno dei due coniugi purchè sia gestita da entrambi dopo il matrimonio

Sono invece esclusi dalla comunione dei beni e quindi rimangono proprietà del singolo:

  • - i beni che ciascun coniuge aveva prima del matrimonio
  • - i beni avuti dopo il matrimonio per donazione od eredità
  • - i beni di uso strettamente personale ed i loro accessori (gioielli, attrezzature ...)
  • - i beni che servono all'esercizio della professione (macchine utensili, apparecchiature ...)
  • - i beni ottenuti come risarcimento di un danno fisico (pensione di invalidità, assicurazioni ...)
  • - i beni acquistati con il ricavato della vendita di uno dei beni sopra descritti

La comunione dei beni inoltre privilegia il coniuge superstite nei confronti degli stessi fgli e di altri eventuali eredi. Infatti in caso di morte di uno dei due coniugi, in regime di comunione dei beni, la successione ereditaria si applica sul 50% del patrimonio della famiglia (il rimanente 50% appartiene di diritto al coniuge superstite). Sembrano discorsi antipatici da fare nel clima festoso che precede un matrimonio ma è necessario ponderare bene tutte le eventualità.

Separazione dei beni

La scelta di questo regime patrimoniale consente a ciascuno dei coniugi di avere una propria posizione, indipendente; ognuno conserva la proprietà esclusiva non solo dei beni che aveva già prima di contrarre il matrimonio ma anche di quelli acquistati dopo.

Contratto prematrimoniale

Per fortuna non sembra prendere molto piede nella nostra società italiana mentre è molto gettonato all'estero tra i VIP. La sua stipula ha un carattere molto venale e mette in secondo piano ciò che fa nascere il desiderio di sposarsi e cementa poi l'unione nel tempo: l'amore, l'affetto, la stima e la fiducia.