Loretta Sebastiani

By: Loretta Sebastiani
     

Vini Toscana Chianti

Chianti

  • Uve:
    Sangiovese (75-100%), Canaiolo (0-10%), Trebbiano Toscano e/o Malvasia del Chianti (0-10%), altre (0-10%)
  • Colore:
    rubino vivace tendente al granato con l’invecchiamento
  • Odore:
    intensamente vinoso, talvolta con profumo di mammola e con più pronunziato carattere di finezza nella fase di invecchiamento
  • Sapore:
    armonico, asciutto (con un massimo di 4 g/l di zuccheri riduttori), sapido, leggermente tannico, che si affina col tempo al morbido vellutato
  • Minima gradazione alcolica:
    11,5° (12° per la qualifica Riserva)
  • Zona DOCG:
    16726 ettari in circa 100 comuni di sei province toscane: Firenze, Siena, Arezzo, Pistoia, Pisa e Prato
  • Invecchiamento:
    obbligatorio fino al 1° marzo successivo alla vendemmia, quindi fino a tre anni; per la qualifica Riserva sono obbligatori due anni di invecchiamento; per le sottozone “Colli Aretini”, “Colli Senesi”, “Colline Pisane”, “Montalbano”, “Montespertoli” la qualifica “riserva”si ottiene se sottoposti ad un invecchiamento di almeno due anni, di cui almeno tre mesi di affinamento in bottiglia; per le sottozone “Colli Fiorentini” e “Rufina” l’invecchiamento previsto dovrà essere effettuato per almeno sei mesi in botte e tre in bottiglia; il periodo di invecchiamento viene calcolato a decorrere dal 1 gennaio successivo all’annata di produzione delle uve
  • Tipi:
    -
  • Qualifiche:
    Superiore e Riserva
  • Temperatura:
    Servire a : vedere gli altri campi
  • Quali piatti abbinare al vino Chianti :
    gli abbinamenti dipendono dal tipo; se si tratta di un Chianti giovane, di corpo sottile, fruttato (Colli Aretini, Colline Pisane e Montalbano) accompagna bene zuppe, pesce bollito e carni arrosto o bollite (temperatura di servizio: 16°C); se si tratta di un Chianti giovane, mediamente corposo si abbina bene anche a carni bianche in intingolo sottoposte a cotture prolungate e ovviamente alle carni rosse; i Chianti corposi vanno gustati invecchiati a 18°C (Colli Fiorentini, Colli Senesi, Rufina); il Chianti Colli Fiorentini accompagna carni arrostite, petto di fagiano in salsa al vino rosso, bistecche di capriolo ai funghi; il Chianti Colli Senesi è un vino pregiato che va servito con manzo in casseruola e arrosti importanti; il Chianti Rufina è particolarmente pregiato e va degustato a fine pasto come vino da "meditazione", a tavola si serve con brasati di manzo, lepre in salmì ed in genere con i piatti di carne più ricchi e saporiti
blog comments powered by Disqus