Loretta Sebastiani

By: Loretta Sebastiani
     

Calamarata ai calamari

Ricetta tradizionale liberamente interpretata nella nostra cucina

Abbiamo chiamato calamarata ai calamari questa ricetta che vede protagonista la pasta calamarata, una specialità di Gragnano (Na). Lo spunto lo abbiamo preso dalla classica ricetta "calamarata" di cui però esistono tante versioni, con o senza pomodoro. La ricetta classica prevede che vengano utilizzati calamari o anche totani tagliati ad anello che ben si adattano al formato della pasta. Ecco la nostra versione.

difficoltà : facile

tempo: preparazione: 30 minuti
cottura: 90 minuti circa

calorie: (kCal)

Ingredienti / Dosi per 3

  • Pasta fresca calamarata - 250 g
  • Calamari freschi - 2 medi (600 g)
  • Patate - 250 g
  • Cipollotti freschi - 40 g
  • Prezzemolo secco - 2 cucchiai
  • Erba cipollina secca - 2 cucchiai
  • Olio extravergine d'oliva - 3 cucchiai
  • Vino bianco secco - 400 ml
  • Sale
Difficoltà:
facile
Tempi:
preparazione: 30 minuti
cottura: 90 minuti circa
totale: circa 2 ore
Quante calorie ha una porzione?
Energia: 493 (kcal) - 2062 (kJ)
Proteine: 26,0 (g)
Grassi: 14,0 (g)
Carboidrati totali: 66,5 (g)
di cui zuccheri: 5,6 (g)

Scarica il PDF della ricetta (165 download).

Indicazioni sui principali allergeni

Questa lista di allergeni (rif. "EUFIC") ha solo carattere divulgativo. Ogni ingrediente o coadiuvante tecnologico usato nella preparazione di alimenti che provichi allergie o intolleranze alimentari deve essere segnalato nelle etichette dei prodotti in vendita o nei menu offerti nei posti di ristorazione.

Indicazioni nutrizionali

Preparate le patate. Pelate le patate e tagliatele a tocchetti. Fatele cuocere nell'olio in un wok o comunque un tegame antiaderente mescolando spesso. Le patate devono risultare croccanti ma morbide all'interno. A cottura ultimata, salatele, rimuovetele dal tegame con una schiumarola e mettetele da parte.

Preparate i calamari e il sugo. Nel frattempo pulite i calamari. Eviscerateli, staccate anche le pinne e liberate i tentacoli dal resto della testa. Rimuovete la pellicina esterna. Lavateli molto bene sotto l'acqua corrente fredda soprattutto la sacca interna e i tentacoli. Tagliate la sacca ad anelli e pinne e tentacoli a pezzetti.
Affettate la cipolla.
Fate imbiondire la cipolla nell'olio in cui avete cotto le patate, unite poi i calamari e le erbe aromatiche e mescolate. Lasciate insaporire gli ingredienti e poi versate il vino. Abbassate la fiamma e proseguite la cottura, a pentola semicoperta, fino a quando i calamari non sono teneri. In genere ci vuole circa un'oretta. Spegnete il fornello e regolate di sale. Il sugo deve rimanere morbido.

Cuocete la pasta e conditela. Quando i calamari sono quasi cotti cuocete la pasta seguendo le istruzioni sulla confezione e lasciandola molto al dente. Finirà di cuocere nel tegame con il sugo. Scolatela molto bene.
Versatela nel tegame con il sugo, unite le patate e fate insaporire tutti gli ingredienti su fiamma vivace mescolando delicatamente. Porzionate e servite subito.

Suggerimenti

  • - La calamarata è una pasta particolare. La potete trovare sia fresca che secca. In questo caso può essere sia liscia che rigata.
  • - Usate anche i calamari surgelati se non li trovate freschi o non vi sembrano freschissimi. Per la riuscita del piatto i calamari devono essere molto freschi.
  • - Nella stagione giusta usate erbe aromatiche fresche, il sapore ci guadagna.
  • - Secondo noi non è una pasta che si adatta ad essere riscaldata se avanzata.

Qual è il vino giusto per la ricetta " Calamarata ai calamari "?

Il nostro suggerimento è: Fiano d' Avellino.