Profiteroles

Ricetta tradizionale francese tradizionale

Chi non conosce i profiteroles? e allora perché l'ennesima ricetta su Internet? credo di poter dare il mio contributo per quanto riguarda il modo di farli, i trucchetti per mascherare eventuali errori e il modo di servirli. Non ultimo, ma per me molto importante, la quantità degli ingredienti della crema chantilly per riempire i bignè e del cioccolato di copertura. Elementi non insignificanti sia per quanto riguarda la salute che la lotta agli sprechi.

profiteroles pronti da servire e decorati con sbuffi di panna
zoom »
Profiteroles

Ingredienti / Dosi per 6

  • Pasta per bigné - mezza dose rispetto alla mia ricetta
  • Panna da montare - 400 ml
  • Bacche di vaniglia - 2
  • Zucchero a velo - 3 cucchiai
  • Cioccolato fondente - 200 g
  • Difficoltà:
    media difficoltà
  • Tempi:
    preparazione: 50 minuti
    più il tempo di raffreddamento
    cottura: 40 minuti
    totale: 1 ora 30 minuti
  • Quante calorie ha una porzione?
    Energia: 527 (kcal) 27 % GDA (*) - 2206 (kJ)
    Proteine: 7,5 (g) 10 % GDA
    Grassi: 39,7 (g) 56 % GDA
    Carboidrati totali: 36,8 (g) 14 % GDA
    di cui zuccheri: 27,4 (g) 30 % GDA

Consulta l'infografica dell'apporto nutritivo.

Scarica il PDF della ricetta (79 download).
oppure usa il QRCode per memorizzarlo sul tuo smartphone QRCode per scaricare il PDF della ricetta

Calcola l'apporto nutritivo delle tue pietanze con il nostro calcolatore di calorie

Ricetta profiteroles

Preparazione e cottura

  • - Il giorno prima.
  • - Preparate i bigné.
    Seguite la mia ricetta (pasta per bigné) o la vostra preferita ma tenete presente che con le mie dosi dimezzate ottengo in genere 24-25 bigné che sono il numero giusto per la quantità di panna e cioccolato come indicato negli ingredienti.
    Lasciate raffreddare bene i bigné.
  • - Aromatizzate la panna.
    Mettete la bacche di vaniglia dentro la panna liquida, dopo averle incise con un coltellino affilato nel senso della lunghezza e averle aperte.
    Riponete in frigorifero.
  • - Il giorno dopo.
  • - Preparate la crema chantilly.
    Filtrate la panna per allontanare eventuali semini delle bacche di vaniglia.
    Aggiungete 2 cucchiai di zucchero a velo a due terzi della panna.
    Montate la panna con un frullino elettrico o il robot.
    Verificate che la panna rimanga ben aderente al frullino.
  • - Riempite i bigné.
    Aiutandovi con una siringa da pasticciere riempite i bigné uno ad uno.
    Metteteli, staccati l'uno dall'altro in un piatto grande.
    Riponeteli poi in frigorifero insieme alla panna montata rimasta.
    Infatti dovreste avanzare una certa quantità di panna che vi servirà poi per decorare esternamente il dolce.
  • - Preparate il cioccolato di copertura.
    Mettete in un pentolino il latte, la panna liquida avanzata, cioè quella che non avete ancora montato, e il cioccolato spezzettato. Sciogliete il cioccolato su calore molto basso mescolando.
    Portate la crema di cioccolato a temperatura ambiente.
  • - Immergete ciascun bigné nella crema di cioccolato cercando di coprirlo il più possibile.
    Sistematelo nel contenitore che avete scelto e proseguite fino ad esaurire tutti i bigné.
  • - Decorate il dolce con sbuffi di panna montata usando una tasca o la siringa da pasticciere

A tavola

  • - Conservate rigorosamente in frigorifero fino a qualche minuto prima di servire.
    Quanti minuti? regolatevi anche in base alla stagione e alla temperatura che avete in casa.
    Il profiterole è un dolce fresco.
  • - Servite su piattini individuali mettendo 3 o 4 bigné a testa.

Suggerimenti

Consigli utili

  • - Il profiterole è un dolce abbastanza semplice da fare se siete abituati a fare i bigné, in caso contrario le cose si complicano ma solo un po'. Ci sono anche i bigné che vengono venduti nei supernercati, imbustati e con una serie di ingredienti spesso incomprensibili e non certo salutari. Se proprio non avete tempo per preparare i bigné con le vostre mani, utilizzateli pure ma preparate il dolce con diverse ore di anticipo in modo che la pasta si ammorbidisca a contatto con le creme.
  • - Come potete vedere dalla foto io evito la più classica piramide di bigné. Un po' perché mi piace preparare dei piatti che si presentino con il mio tocco personale e poi soprattutto per questioni pratiche. Se allineate i bigné in un unico strato, è poi molto facile servirli, eventualmente trasportarli, fare delle porzioni equilibrate e non schizzare panna e cioccolato magari sulle tovaglie belle ;)
  • - Altro particolare. Io spolverizzo il mio strato di bigné con un cucchiaio di zucchero a velo fatto passare attraverso il colino poco prima di servire. Serve a coprire eventuali aree in cui il cioccolato manca o è carente. E serve anche a dare quel tocco di dolce che non dispiace. Io, come avete visto non aggiungo zucchero alla mia cioccolata.
  • - Ancora un ultimo trucchetto. Quando si dispongono i bigné sul piatto di portata è facile sporcare con il cioccolato. Guarnire con altra panna montata nasconde tutto e rende il piatto più piacevole.
  • - Conservate il profiterole al massimo per due giorni rigorosamente in frigorifero.
    Io lo considero un dolce per tutto l'anno ma da fare con molta attenzione quando fa caldo. Deve essere conservato in frigorifero ed esposto a temperatura ambiente solo per servirlo.
  • - Ci sono molte varianti alla ricetta classica che vi ho presentato.
    Potete riempire i bigné di crema pasticciera oppure di crema diplomatica mescolando crema chantilly e crema pasticciera.
    Potete variare anche il cioccolato di copertura scegliendo cioccolato al gianduia o cioccolato bianco. In questo caso diventa ottimo anche come dolce per un battesimo ma attenzione alla quantità di zucchero perché il cioccolato bianco è già molto dolce.
    Potete riempire i bigné come volete e poi spolverizzarli solo di polvere di cacao dolce. Fatevi guidare dalla vostra fantasia.

Idea menu

  • - I profiteroles sono molto versatili. Li potete servire alla fine del pasto oppure in un buffet o in una merenda importante.
  • - Quando scegliete i profiteroles come dolce in un menu completo seguite alcune precauzioni.
    Evitateli con un menu di pesce. Pesce e panna non vanno d'accordo.
    Evitateli in un menu già ricco di grassi, in questo caso andrebbe meglio un dolce a pasta lievitata acida oppure un dolce di frutta. Consultate l'indice dei dolci per trovare qualche idea.

Note di alimentazione

  • - Ahimé questo è sì un grande dolce ma è anche un dolce che lascia il segno. Avete letto calorie e grassi? equivalgono ad un piatto di pasta condito con sugo abbastanza robusto magari con pancetta!! e sono solo quattro bigné medi.
    Per non parlare poi dello zucchero semplice. Quindi i profiteroles diventano un vero e proprio peccato di gola da concedersi molto raramente. Ma quando si fanno debbono essere buoni. Non siete d'accordo?
  • - Fibre per porzione: solo 2,9 grammi. È un dolce, non potete pretendere che sia fonte di fibre, no? ;)

Loretta

Qual è il vino giusto per la ricetta " Profiteroles "?

Un grande dolce chiama un grande vino. E allora perché non il Barolo Chinato?
L'abbinamento comunque non è semplice perché c'è una netta prevalenza di cioccolato che nel mio caso è decisamente fondente e tutto sommato si tratta di un dolce grasso che non prevede l'accostamento con il tipico vino da dessert. Io però vi suggerirei anche di pensare di servire dopo un Rum o un Brandy o il Grand Marnier.
Altra possibilità, ma per me ultima, le classiche bollicine dolci.