Torta Saint Honoré

Le ricette di casa nostra Loretta Sebastiani

Esistono diverse versioni della torta Saint-Honoré in Italia ma ricordate che la ricetta originale è francese ed è molto diversa. Più sotto trovate qualche altra notizia. La ricetta che vi propongo è invece la mia versione, italianizzata, che trovo utilissima quando ho ospiti. L'ho ripetutamente testata e quindi sono sicura di non fare brutte figure. La base è la tradizionale torta Maddalena. Alla crema Chiboust, che non piace a tutti, preferisco la più classiche crema pasticciera, panna e cioccolato. I bignè non mancano. Trovate tutti i link alle preparazioni base più avanti. È una torta morbida che si può mangiare anche in piedi e non crea nessun problema nei ricevimenti e nelle feste. Io preparo ciò che mi occorre in anticipo e la monto poco prima di servirla.

torta per grandi occasioni da servire anche con il tè del pomeriggio
zoom »
Torta Saint Honorè

Ingredienti / Dosi per 10

  • Rhum - 1/2 bicchiere
  • Crema pasticciera - 750 g
  • Granella di nocciole - 100 g
  • Panna da montare - 500 ml
  • Cioccolato fondente - 100 g
  • Torta Maddalena - 1
  • Bignè già pronti
  • Zucchero a velo
  • Difficoltà:
    media difficoltà
  • Tempi:
    preparazione: 50 minuti
    più il tempo per la torta Maddalena, la crema pasticciera e i bignè
    cottura: 10 minuti
    totale: 60 minuti
  • Quante calorie ha una porzione?
    Energia: 622 (kcal) 32 % GDA (*) - 2600 (kJ)
    Proteine: 11,1 (g) 15 % GDA
    Grassi: 37,5 (g) 53 % GDA
    Carboidrati totali: 57,5 (g) 22 % GDA
    di cui zuccheri: 42,0 (g) 47 % GDA

Consulta l'infografica dell'apporto nutritivo.

Scarica il PDF della ricetta (212 download).
oppure usa il QRCode per memorizzarlo sul tuo smartphone QRCode per scaricare il PDF della ricetta

Calcola l'apporto nutritivo delle tue pietanze con il nostro calcolatore di calorie

Ricetta torta Sain Honoré

Preparazione e cottura

Trovate tutti i link per gli ingredienti che vi servono più avanti.

  • - Dividete la torta Maddalena in tre dischi dello stesso spessore.
  • - Inzuppate ciascun disco con un miscuglio in parti uguali di acqua e rum.
  • - Mettete il disco di base sul piatto di portata e spalmate circa la metà della crema pasticciera.
  • - Aggiungete il secondo disco e stendete l'altra metà della crema pasticcera su tutta la superficie avendo però cura di tenerne da parte qualche cucchiaio.
  • - Completate con il terzo disco.
  • - Aiutandovi con una spatola, distribuite sul bordo della torta la maggior parte della crema rimasta.
    Spargete la granella di nocciole sulla superficie di lavoro.
    Prendere la torta con delicatezza e fate rotolare velocemente il bordo sulla granella perché possa aderire bene.
    Se questa manovra risulta difficile, fate aderire la granella sul bordo aiutandovi con un cucchiaio, con una spatola o con la mano.
  • - Montate a neve ben ferma la panna montata.
    Per facilitare l'operazione potete aggiungere dello zucchero a velo.
    La quantità naturalmente è soggettiva (in media un paio di cucchiai).
  • - Spezzettate il cioccolato e fatelo fondere a bagnomaria.
    Fatelo raffreddare e poi aggiungegelo ad un terzo della panna montata con lenti movimenti dal basso verso l'alto in modo che panna e cioccolato si mescolino perfettamente.
  • - Riempite metà dei bignè con la panna e l'altra metà con la panna unita al cioccolato.
  • - Coprite la superficie della torta con la panna rimasta.
  • - Passate l'estremità dei bignè nella crema pasticcera rimasta e disponeteli sulla panna.
  • - Completate con qualche fiocchetto di cioccolato usando una siringa da pasticciere.
  • - La torta è pronta.

A tavola

  • - Conservate la torta in frigorifero fino al momento di servirla.

Suggerimenti

Consigli utili

  • - Questa mia personale versione italianizzata di Saint Honoré è molto veloce da montare purché abbiate già fatto la torta Maddalena, i bignè e la crema pasticciera. La torta Maddalena e i bigné anche il giorno prima e, se conservata bene, la crema pasticciera diverse ore prima.
    I bignè che avanzano potete riempirli di crema, panna o cioccolato e servirli insieme alla torta.
    In caso di mancanza reale di tempo potete far fare dal pasticciere la base e i bignè oppure comprare tutto già pronto al supermercato. Ci sono anche confezioni di crema pasticciera istantanea però ... il sapore ci rimette. Non siete d'ccordo? ;))
  • - In qualche versione di Saint Honoré all'italiana la panna è sostituita completamente con la crema al burro; lo stesso cioccolato fuso viene unito ad un terzo della crema al burro. La crema al burro viene prima spalmata sulla superficie con una spatola e poi distribuita meglio con una siringa da pasticciere.
    Io preferisco la versione che vi ho proposto perché più delicata.
  • - I bignè possono essere riempiti di crema pasticciera e rivestiti di caramello. Basta sciogliere quattro cucchiai di zucchero in due cucchiai di acqua in un pentolino su fiamma bassissima. Quando assume un bel colore dorato è pronto ma deve essere utilizzato molto rapidamente.
  • - Ci sono versioni in cui questo dolce è realizzato con una base di pasta brisée dolce.  La pasta viene stesa in una forma rotonda con uno spessore di mezzo centimetro; posta sulla placca del forno, viene bucherellata e cotta per circa 15 minuti. Dopo la torta è completata con i bignè, riempiti di crema pasticciera, e la panna montata.
  • - Vorrei sottolineare come la storia di questa torta rappresenta l'ennesimo caso in cui la ricetta tradizionale è stata completamente modificata. Nel linguaggio popolare la torta Sain Honoré è quella decorata con i bignè e ciuffi di crema, cioccolato ... In realtà la versione francese è molto diversa come accenno più sotto.
    La confusione regna sovrana qui come in tanti altri casi.

Idea menu

  • - La torta Saint Honoré, farcita e decorata con i bignè, che vi ho presentato è ideale per occasioni speciali. Un compleanno, un anniversario, una cerimonia in casa.
    Potete servirla alla fine di un menu completo e raffinato ma non a base di pesce. Pesce e panna non vanno d'accordo.
    Oppure alla fine di un buffet.
  • - In qualche caso, quando il numero di ospiti era limitato, mi sono divertita a preparare delle minitorte. In pratica delle monoporzioni che i miei invitati hanno apprezzato molto.
  • - Nella fotografia vedete la torta servita su un carrello in occasione del tè delle cinque del pomeriggio.

I link utili per questa ricetta

  • - Ecco i link da seguire per tutte le preparazioni necessarie.
    Comincio con la torta Maddalena, la ricetta per fare i bignè e la pagina dedicata alla crema pasticciera.
    Qualcuno di voi può essere interessato alla crema al burro visto che in qualche caso viene usata. Io trovo questa versione meno delicata di quella che vi ho presentato.
    Se invece volete provare a fare la Saint Honoré con la base di pasta brisée dolce ... non avete che da seguire il link per vedere come si fa :))

Note di alimentazione

  • - Poco da dire su questa torta. La lettura dell'apporto nutritivo parla chiaramente. Una sola porzione equivale a un intero pranzo. Un vero Everest di calorie, grassi e zuccheri.
    Da fare e mangiare con molta moderazione. Solo nelle occasioni veramente speciali.
  • - Fibre per porzione: circa 2 grammi

Loretta

Qual è il vino giusto per la ricetta " Torta Saint Honoré "?

In genere servo un vino liquoroso dopo averla consumata. Passito di Pantelleria o altro.

Un po' di storia

Vera torta Saint Honoré
zoom »
Autentica torta Saint Honoré

La ricetta originale della torta Sain Honoré risale al 1846 in Francia e si deve all'estro del pasticciere Chiboust. Si parte da una base di pasta sfoglia (qualcuno dice anche la frolla o la brisé) con intorno una corona fatta con pasta per bignè. Si cuoce il tutto. Poi si dispongono i bignè riempiti con la crema specifica (crema Chiboust che è simile alla crema pasticciera ma resa più leggera dall'aggiunta di bianchi d'uovo) e si riempiono gli spazi vuoti tra i bignè con il resto della crema. Un po' di crema va spalmata anche sopra i bignè su cui poi si depositano dei dischetti di caramello. Molto laboriosa ma ovviamente buonissima.
Come potete vedere è molto diversa dalla Saint Honoré che siamo abituati a vedere anche nelle nostre pasticcerie.
Il pasticciere Chiboust che l'ha creata la dedicò al santo Honoré che in Francia è il patrono dei pasticcieri, dei fornai e dei confettieri. Le reliquie del santo sono conservate in una cappella che si trova a Rue St. Honoré a Parigi dove il pasticciere Chiboust aveva la sua bottega. Trovate notizie sul santo nella pagina specifica di Wikipedia.