Cicerchiata

Ricetta tradizionale umbra tradizionale

La cicerchiata è un dolce tradizionale tipico dell'Italia centrale e molto diffuso tra Marche, Abruzzo, Molise e Umbria. In quelle zone qualcuno lo fa per Natale, altri per Carnevale e altri ancora quando capita perché è buono e piace veramente a tutti. Oserei dire irresistibile :)) Si realizza preparando piccoli ceci di pasta che si fanno friggere e poi si lega il tutto con il miele dando una forma a ciambella. Il tocco finale è la decorazione con mandorle, codette oppure scorzette candite. Le versioni sono moltissime. Questa è la mia, molto semplice perché non amo i dolci troppo dolci.

cicerchiata fotografata con alcuni ingredienti zoom »
Cicerchiata

Ingredienti / Dosi per 6

  • Per la pasta e la frittura
  • Farina - 250 g
  • Zucchero - 1 cucchiaio
  • Uova - 4 + 2 tuorli
  • Burro - 30 g
  • Cannella in polvere (facoltativa)
  • Olio d'oliva o olio di semi di arachide per friggere
  •  
  • Per la decorazione (facoltativa)
  • Buccia di due arance grattugiate
  • Miele - 300 g
  • Frutta candita - 50 g
  • Confettini di vario colore
  • Difficoltà:
    media difficoltà
  • Tempi:
    preparazione: 50 minuti
    più il tempo di riposo
    cottura: 40 minuti
    totale: 1 ora 30 minuti
  • Quante calorie ha una porzione?
    Energia: 447 (kcal) 23 % GDA (*) - 1869 (kJ)
    Proteine: 10,3 (g) 14 % GDA
    Grassi: 9,4 (g) 13 % GDA
    Carboidrati totali: 82,9 (g) 31 % GDA
    di cui zuccheri: 51,2 (g) 57 % GDA

Consulta l'infografica dell'apporto nutritivo.

Scarica il PDF della ricetta (127 download).
oppure usa il QRCode per memorizzarlo sul tuo smartphone QRCode per scaricare il PDF della ricetta

Calcola l'apporto nutritivo delle tue pietanze con il nostro calcolatore di calorie

Ricetta cicerchiata

Preparazione e cottura

  • - Fate ammorbidire il burro.
  • - Preparate la pasta.
    Versate la farina a fontana sulla spianatoia.
    Mettete nel centro il burro tagliato a pezzetti, le uova, i tuorli, la cannella (se seguite il mio suggerimento che trovate più avanti) e lo zucchero.
    Lavorate velocemente i vari ingredienti ottenendo un impasto omogeneo e morbido.
    Dall'impasto ricavate tanti bastoncini delle dimensioni di una matita e divideteli in tanti piccoli pezzi delle dimensioni di un cecio.
  • - Friggete le palline in abbondante olio caldo ma non bollente fino a quando avranno assunto un bel colore dorato.
    Scolatele e fate assorbire l'olio in eccesso su carta assorbente da cucina.
  • - Scaldate il miele in un tegame con l'aggiunta della buccia grattugiata delle arance (non trattate) e dei canditi tagliati a pezzetti.
    Eventualmente aggiungete qualche cucchiaio di acqua per renderlo più fluido.
    A questo punto aggiungete le palline fritte, mescolate e continuate la cottura su fuoco basso fino a quando i dolci non avranno assorbito il miele.
  • - Versare il composto in uno stampo per ciambella, spennellato d'olio, e livellate la superficie.
  • - Lasciate riposare fino a quando il miele non si è solidificato.

A tavola

  • - Capovolgete il dolce su un piatto di portata e decorate con i confettini colorati o come meglio credete.

Suggerimenti

Consigli utili

  • - Qualcuno usa l'olio d'oliva (30 ml) al posto del burro e meno uova (solo 4) nell'impasto. Per il resto è difficile ridurre i grassi; si tratta comunque di un dolce ricco di grassi e di zuccheri ma così buono ... come si fa a resistere? ;))
  • - Se volete potete guarnire la superficie invece che con le codette, che io sconsiglio vivamente, con lamelle di mandorle.
  • - Io in genere ne faccio una versione semplificata e con un piccolo ritocco nell'impasto che mi consente di eliminare l'eccesso di zuccheri della decorazione. Aggiungo cannella abbondante alla pasta che quindi la rende molto più aromatica. In questo modo posso evitare di guarnire ulteriormente la superficie e soprattutto lego le mie palline fritte solo con il miele. Quando ho a disposizione arance biologiche aggiungo la loro scorza al miele.

Note di alimentazione

  • - Calorie, zuccheri e grassi della cicerchiata sono solo parziali perché come ho già scritto tante volte in relazione ai fritti è scorretto dare valori che comprendano anche la frittura. Chi ci dice quanto olio è stato in realtà usato e assorbito?
  • - Il fritto va fatto raramente. Le poche volte che ce lo concediamo mio marito ed io lo facciamo a regola d'arte ed è sempre una vera bontà. Ricordate poche regole ma importanti: l'olio deve essere d'oliva o di semi di arachide e abbondante e non si deve usare per più di una volta. E poi occho alla quantità di fritto!

Loretta

Qual è il vino giusto per la ricetta " Cicerchiata "?

Servite la cicerchiata con un liquore aromatico come l'arancino. Semplicemente favoloso questo abbinamento!