Baccalà agghiotta

Ricetta tradizionale della zona di Messina in Sicilia tradizionale

Il baccalà agghiotta è una ricetta tipica di Messina in Sicilia. Agghiotta è un termine che indica una preparazione siciliana per il pesce fresco e conservato. Più raramente viene usato per la verdura. In qualche zona, sempre siciliana, indica invece la zuppa di pesce. Praticamente il baccalà viene cotto in un sugo di pomodori, cipolle, sedano, olive e capperi. Meno noto del pesce spada agghiotta è comunque un piatto da provare. In questo caso all'intingolo base si aggiungono anche i pinoli, l'uvetta e le patate. Semplicità e bontà è il binomio della cucina italiana, vero? Ricetta della dieta mediterranea.

baccalà agghiota, ricetta siciliana di Messina
zoom »
Baccalà agghiotta

Ingredienti / Dosi per 4

  • Baccalà da dissalare - 500 g
  • Cipolla - 100 g
  • Sedano - 50 g
  • Pomodori freschi maturi - 300 g
  • Patate - 300 g
  • Olive verdi denocciolate - 50 g
  • Pinoli - 20 g
  • Uva sultanina - 20 g
  • Capperi sotto aceto - 20 g
  • Olio extravergine d'oliva - 4 cucchiai
  • Sale
  • Pepe, se gradito
  • Difficoltà:
    facile
  • Tempi:
    preparazione: 20 minuti
    più il tempo di ammollo delle uvette
    cottura: 80 minuti
    totale: 1 ora 40 minuti
  • Quante calorie ha una porzione?
    Energia: 365 (kcal) 19 % GDA (*) - 1528 (kJ)
    Proteine: 31,8 (g) 42 % GDA
    Grassi: 18,1 (g) 26 % GDA
    Carboidrati totali: 20,1 (g) 8 % GDA
    di cui zuccheri: 9,0 (g) 10 % GDA

Consulta l'infografica dell'apporto nutritivo.

Scarica il PDF della ricetta (164 download).
oppure usa il QRCode per memorizzarlo sul tuo smartphone QRCode per scaricare il PDF della ricetta

Calcola l'apporto nutritivo delle tue pietanze con il nostro calcolatore di calorie

Ricetta baccalà agghiotta

Preparazione e cottura

  • - Dissalate il baccalà.
    Il baccalà va immerso in acqua fredda e conservato in frigorifero per almeno 48 ore.
    Cambiate l'acqua almeno ogni otto ore.
    Alla fine di questo periodo va lavato sotto l'acqua corrente e tamponato con la carte assorbente per eliminare l'eccesso di acqua.
    A questo punto tagliate il baccalà in pezzi.
  • - Preparate il sugo.
    Mettete l'uvetta in acqua tiepida e fatela rinvenire per almeno 20 minuti.
    Affettate la cipolla.
    Mondate e lavate il sedano. Asciugatelo e tagliatelo in pezzetti.
    Pelate i pomodori, eliminate i semi interni e tritate la polpa.
    Tagliate le olive a pezzetti.
    Prendete una teglia da forno.
    Fate soffriggere la cipolla e il sedano nell'olio d'oliva su fiamma dolce.
    Unite i pomodori e fateli insaporire, mescolando.
    Aggiungete poi le olive, i pinoli, i capperi, l'uva sultanina ben strizzata e i pezzi di baccalà.
  • - L'ultima fase: la cottura in forno.
    Mentre la preparazione riprende il bollore, portate il forno a 170°C.
    Pelate le patate e tagliatele a tocchetti.
    Unitele a tutti gli altri ingrendienti.
    Salate e pepate, con moderazione perché il baccalà è comunque salato.
    Mescolate delicatamente.
    Trasferite la teglia in forno e cuocete per circa un'ora.
    Nell'ultimo quarto d'ora aumentate la temperatura a 180°C.

A tavola

  • - Servite il piatto caldo.

Suggerimenti

Consigli utili

  • - In mancanza di pomodori freschi usate polpa di pomodoro o pelati in scatola. Se usate i pelati schiacciateli con una forchetta prima di aggiungerli al sugo.
  • - Per un migliore risultato usate capperi sotto sale.

Idee menu

  • - Accompagnate il piatto con verdura bollita di stagione oppure fatelo precedere da una buona minestra di verdure.

I link utili per questa ricetta

Loretta

Qual è il vino giusto per la ricetta " Baccalà agghiotta "?

Mio marito ed io in genere abbiniamo al baccalà agghiotta un vino rosso a bassa gradazione, non invecchiato, poco tannico e con gusto morbido, per esempio la Freisa d'Asti (vino del Piemonte) oppure un vino della Sicilia con le stesse caratteristiche.