Caponata di melanzane

Ricetta tradizionale siciliana tradizionale

La caponata di melanzane è una ricetta siciliana. Un miscuglio di verdure che si presta a tante interpretazioni. Antipasto, contorno, sugo per la pasta. Ma è da fare nella giusta stagione (estate ed inizio autunno) quando si trovano le migliori melanzane e pomodori. Tenete poi presente che qualcuno dice che dopo Ferragosto le melanzane perdono moltissimo. Potete preparare la caponata in anticipo e questo è un grande aiuto, sempre, visto che è una ricetta laboriosa! Ecco perché io, quando la faccio, la preparo in dosi industriali. Tanto poi la posso usare in tanti modi e si conserva in frigorifero per qualche giorno. Ricetta vegetariana e vegana ma anche tipico esempio di dieta mediterranea ;))

Caponata siciliana di melanzane
zoom »
Caponata di melanzane

Ingredienti / Dosi per 12

  • Melanzane medie - 4 (1,4 kg)
  • Gambi di sedano - 6 (200 g)
  • Cipolle - 2 (500 g)
  • Pomodori maturi - 5 (600 g)
  • Olive verdi snocciolate - 150 g
  • Capperi sotto sale - 2 cucchiai
  • Zucchero - 1 cucchiaio
  • Aceto di vino rosso - 3 cucchiai
  • Olio d'oliva - 130 ml
  • Basilico fresco
  • Sale e pepe macinato fresco (o peperoncino)
  • Difficoltà:
    facile
  • Tempi:
    preparazione: 40 minuti
    più il tempo per togliere l'amaro alle melanzane
    cottura: 60 minuti
    totale: 1 ora 40 minuti
  • Quante calorie ha una porzione?
    Energia: 155 (kcal) 8 % GDA (*) - 649 (kJ)
    Proteine: 2,6 (g) 3 % GDA
    Grassi: 12,7 (g) 18 % GDA
    Carboidrati totali: 7,9 (g) 3 % GDA
    di cui zuccheri: 7,8 (g) 8 % GDA

Consulta l'infografica dell'apporto nutritivo.

Scarica il PDF della ricetta (264 download).
oppure usa il QRCode per memorizzarlo sul tuo smartphone QRCode per scaricare il PDF della ricetta

Calcola l'apporto nutritivo delle tue pietanze con il nostro calcolatore di calorie

Ricetta caponata siciliana

Preparazione e cottura

  • - Preparate tutte le verdure.
    Lavate le melanzane e tagliatele a fette per il lungo lasciando la buccia.
    Mettete le melanzane, dopo averle salate, in uno scolapasta, per far scolare l'acqua amara (circa un'ora).
    Risciacquate le melanzane e asciugatele bene con carta assorbente da cucina o con un panno.
    Tagliatele a tocchetti.
    Nel frattempo pulite e lavate il sedano.
    Tagliate il sedano in pezzi e fatelo bollire per circa 5 minuti.
    Scolate il sedano accuratamente.
    Pelate i pomodori, eliminate i semi e tagliateli in pezzetti.
    Tagliate a metà le olive.
    Lavate accuratamente i capperi.
    Affettate finemente le cipolle.
  • - La cottura.
    Soffriggete le melanzane nell'olio, in una grossa padella antiaderente, su fiamma bassa e mescolando spesso, finché non sono ben dorate. I tempi di cottura dipendono dalla grandezza dei pezzi.
    Rimuovete le melanzane dall'olio con la schiumarola e mettetele da parte.
    Nello stesso olio fate soffriggere le cipolle e il sedano.
    Aggiungete, poi, i pomodori, le olive e i capperi.
    Regolate di sale e di pepe (o peperoncino) e cuocete a fuoco basso per circa 5 minuti.
    Aggiungete le melanzane e cuocete per altri 10-15 minuti, mescolando 4 o 5 volte delicatamente.
    Cospargete lo zucchero e versate l'aceto.
    Cuocete per altri 3-4 minuti.

A tavola

  • - Guarnite col basilico.
  • - Potete servire la caponata tiepida o fredda.

Suggerimenti

Consigli utili

  • - In genere io uso 100 ml di olio per la prima parte, cioè per la frittura delle melanzane e aggiungo il resto quando tolgo le melanzane e metto le cipolle e il sedano. In caso contrario rischio di far assorbire comunque tutto l'olio dalle melanzane e di doverne usare di più.
  • - Potete usare altre verdure come zucchini o peperoni al posto delle melanzane oppure diminuire la dose delle melanzane e arrivare allo stesso peso con ciò che più vi piace. Fate attenzione però ai tempi di cottura perché possono essere molto diversi.
  • - Per mia nonna, abruzzese, la caponata era fatta con peperoni e non con le melanzane. La ricetta er molto simile.

Idea menu

  • - La caponata di melanzane, vera ricetta della tradizione culinaria siciliana, può essere servita come contorno o come piatto unico (in estate) ma anche come antipasto freddo.
    Non a caso viene conservata sotto vetro e in questo modo consumata tutto l'anno.
  • - È ottima per condire la pasta; in questo caso però dovete farla addensare di meno. Io ci faccio un'eccezionale pasta fredda.
  • - Potete fare fantastici crostini per le vostre grigliate estive. Oppure con caponata conservata sotto vetro deliziose tartine con fette di polenta passata sotto il grill in autunno e in inverno.

I link utili per questa ricetta

Note di alimentazione

  • - Come avete letto ho considerato 12 porzioni che tra l'altro sono molto abbondanti e vanno bene per l'antipasto o il contorno.
    Se volete servirla come piatto unico vegetariano in estate, le porzioni vanno aumentate ma state attenti ai grassi che aumentano in modo considerevole grazie all'abbondanza dell'olio necessario per soffriggere le melanzane.
    Ecco, questo è un aspetto particolare delle melanzane da tenere in considerazione: la tendenza ad assorbire molto olio. Tanto è vero che c'è una versione di caponata con le melanzane cotte nel forno. Gradevolissima anche questa ma un sapore completamente diverso. A voi la scelta, dunque!
  • - Fibre per porzione: 3,9 grammi. Per essere un piatto di verdure la quantità è davvero modesta ma questo dipende dalla porzione. D'altra parte se aumentiamo la porzione si fanno sentire i grassi come ho già scritto!

Loretta

Qual è il vino giusto per la ricetta " Caponata di melanzane "?

Provate la caponata con il Sedara di Donnafugata (vino della Sicilia). È un vino IGT ma decisamente molto buono. Lo troviamo ottimo anche nelle grigliate io e mio marito.

Siete interessati ad altri vini o ricette della Sicilia?

Un po' di storia

Il termine caponata ha una etimologia su cui ci sono state e ci sono tuttora molte controversie. Forse deriva dal latino caupona, taverna. In ogni caso designava un piatto che poteva essere povero perché formato da sole verdure o più ricco per l'aggiunta di pesce. A testimonianza, ancora una volta, di come mangiavano in maniera diversa i vari ceti sociali. Il ricettario napoletano ('800) di Ippolito Cavalcanti riporta questo termine e lo abbina al pesce.
Si tratta di un piatto di gusto mediterraneo per gli ingredienti scelti.