Strangozzi al tartufo nero

Ricetta tradizionale dell'Umbria tradizionale

Gli strangozzi al tartufo nero mi ricordano la mia giovinezza. Ho vissuto in Umbria, tra Terni e Spoleto, da 16 anni fino a quando, 32enne, mi sono spostata in Piemonte perché quella bellissima terra non offriva possibilità di lavoro stabile. In tutti quegli anni ho assorbito la favolosa cucina umbra e l'ho fatta mia mescolandola agli altri influssi che ho avuto dalla mia famiglia. Questo piatto di pasta non è altro che la fedele ricetta che avevamo imparato a fare dalla gente del luogo. Gli strangozzi sono tipici della zona e il tartufo nero è veramente delizioso. Piatto semplice ma costoso, da tenere presente per le vostre occasioni speciali.

piatto di spaghettoni o strangozzi conditi con salsa al tartufo nero zoom »
Strangozzi al tartufo nero.

Ingredienti / Dosi per 2

  • Strangozzi - 180 g
  • Tartufo nero fresco o conservato al naturale - 25 grammi
  • Olio extravergine d'oliva - 3 cucchiai
  • Sale
  • Difficoltà:
    facile
  • Tempi:
    preparazione: 15 minuti
    cottura: 25 minuti
    totale: 40 minuti
  • Quante calorie ha una porzione?
    Energia: 456 (kcal) 23 % GDA (*) - 1907 (kJ)
    Proteine: 10,4 (g) 21 % GDA
    Grassi: 16,3 (g) 24 % GDA
    Carboidrati totali: 71,3 (g) 27 % GDA
    di cui zuccheri: 3,9 (g) 5 % GDA

Scarica il PDF della ricetta (34 download).
oppure usa il QRCode per memorizzarlo sul tuo smartphone QRCode per scaricare il PDF della ricetta

Indicazioni nutritive per uomo / donna

calorie

carboidrati

grassi


calorie

carboidrati

grassi

Uomo e donna hanno diverse esigenze nutritive. Le tabelle evidenziano queste differenze per la ricetta in esame. Va ricordato che l'apporto giornaliero di proteine è rispettivamente 55g e 44g.

Indicazioni sui principali allergeni

Questa lista di allergeni (rif. "EUFIC") ha solo carattere divulgativo. Ogni ingrediente o coadiuvante tecnologico usato nella preparazione di alimenti che provichi allergie o intolleranze alimentari deve essere segnalato nelle etichette dei prodotti in vendita o nei menu offerti nei posti di ristorazione.

Ricetta strangozzi al tartufo

Preparazione e cottura

  • - Preparate la salsa al tartufo nero.
    Leggete la spiegazione dettagliata sulla pagina specifica. Così saprete come fare sia con il tartufo fresco sia con quello conservato in vasetto al naturale. Il link lo trovate più avanti (link utili per questa ricetta).
  • - Cuocete gli strangozzi in abbondante acqua salata seguendo le spiegazioni riportate sulla confezione. I tempi di cottura possono essere molto variabili a seconda del prodotto.
  • - Scolate la pasta e trasferitela di nuovo nella pentola.
  • - Condite la pasta con la salsa al tartufo. Mescolate molto bene e regolate di sale se necessario.

A tavola

  • - Servite immediatamente.

Suggerimenti

Consigli utili

  • - Potete preparare la salsa al tartufo nero anche in anticipo. Si conerva bene in frigorifero anche per qualche giorno.
  • - Come potete vedere nella foto gli strangozzi non sono altro che pasta di semola a forma di spaghettoni. In genere sono tirati a mano e quindi molto irregolari. Quelli che vedete nella fotografia sono invece un prodotto industriale.
    Potete comunque condire anche i normali spaghetti con la salsa al tartufo nero purché non siano sottili.
  • - Se li avanzate, non vi preoccupate. Sono ottimi anche scaldati in un tegame antiaderente. Il problema semmai è avanzarli ;))
  • - Maggiori notizie sul tartufo le trovate nella nostro sito dedicato all'alimentazione. Il link più avanti. In questa sede voglio solo precisare una cosa. Mi è capitato molto spesso in Umbria ma anche nell'Italia centrale di vedere tra le portate del menu strangozzi, ciriole o altre paste locali al tartufo. Il più delle volte la pasta è condita con un sugo ai funghi aromatizzato al tartufo (o molto più semplicemente solo olio al tartufo) che non ha niente a che fare con la ricetta di questa pagina. Per carità! è buonissima anche quella ricetta ma non è la stessa cosa ;))

Idea menu

  • - Scegliete gli strangozzi al tartufo per le vostre grandi occasioni. Natale, Pasqua, anniversari, eventi speciali da festeggiare in famiglia e con gli amici.
  • - Il tartufo si trova tutto l'anno sia fresco che conservato al naturale in vasetto. Quindi il piatto di strangozzi può essere programmato quando volete.
  • - Gli strangozzi al tartufo possono essere abbinati a piatti di carne, di pesce, di molluschi e crostacei. Quindi non creano nessun problema quando programmate un menu. Io uso solo una precauzione. Cerco di far precedere la pasta da un antipasto dal sapore non troppo deciso perché il palato possa poi apprezzare il gusto particolare del tartufo nero. Esempio perfetto sono le "uova alla bella Rosina". Anche il link a questa ricetta è compreso nel punto successivo.

I link utili per questa ricetta

  • - Consultate la pagina del tartufo nero per ulteriori dettagli su questo ingrediente così importante (scheda tecnica, come sceglierlo, pulirlo, conservarlo ...).
  • - Questo invece è il link alla ricetta della salsa al tartufo che vi serve per condire il vostro piatto di strangozzi.
  • - Se infine volete un indirizzo sicuro in cui acquistare tartufi freschi e conservati, condivido volentieri quello da cui ci riforniamo io e mio marito. Italia Tartufi. Nel sito trovate anche gli strangozzi. Ad essere sinceri non sono identici alla pasta che vi abbiamo proposto nella ricetta ma sapete benissimo che ogni località italiana ha le sue specialità.
  • - Tra gli antipasti all'italiana trovate invece la ricetta delle uova alla bella Rosina.

Note di alimentazione

  • - Vi chiederete sicuramente come mai una pasta così semplice abbia un valore calorico così alto. Sono in gioco due fattori: la quantità di pasta e di olio.
    La porzione giusta di pasta è 80 grammi mentre in questo caso ne ho usati 90 grammi.
    Anche l'olio è sovrabbondante e se calcolate che un cucchiaio di olio ha 90 calorie riuscite a capire facilmente il perché di calorie così alte rispetto agli ingredienti.
    È difficile per me modificare queste quantità perché tutto è rapportato al tartufo. D'altra parte più di una volta ho sottolineato come questa sia una pasta da preparare raramente.
  • - Fibre per porzione: 3,3 grammi

Loretta

Qual è il vino giusto per la ricetta " Strangozzi al tartufo nero "?

Mio padre stappava il Prosecco con questo piatto di pasta ai tartufi e io continuo la tradizione perché la scelta è la più convincente per me.