La ricetta delle Tigelle e dello Gnocco fritto

Ricetta tradizionale dell'Emilia-Romagna tradizionale

Le tigelle sono deliziose sia come antipasto che come piatto unico accompagnato, magari, da un po' di insalata di stagione. Se le volete preparare vi dovete procurare: farina, lievito di birra, olio d'oliva e sale. Ecco la ricetta tradizionale delle tigelle e dello gnocco fritto fornita dal nostro lettore "Giovanni" da Buttapietra (VR)!

piatto con prosciutto cotto e crudo, salame e tigelle o crescentine e gnocchi fritti
zoom »
Tigelle, gnocchi fritti e salumi assortiti, tipico antipasto emiliano

Ingredienti

  • Farina di grano tenero - 1kg
  • Lievito di birra (o lievito naturale) - qb
  • Un cucchiaio d'olio di oliva (in passato si utilizzava il burro o la panna)
  • Sale fino - 2 cucchiaini
  • Acqua - quanto basta per un impasto morbido tipo pane
  • Difficoltà:
    media diffioltà
  • Tempi:
    preparazione: 30 minuti
    più il tempo di lievitazione
    cottura: 20 minuti
    totale: 50 minuti
  • Quante calorie ha una porzione?
    Energia: n.c. (kcal) - n.c. (kJ)
    Proteine: n.c. (g)
    Grassi: n.c. (g)
    Carboidrati totali: n.c. (g)
    di cui zuccheri: n.c. (g)

Scarica il PDF della ricetta (166 download).
oppure usa il QRCode per memorizzarlo sul tuo smartphone QRCode per scaricare il PDF della ricetta

Indicazioni nutritive per uomo / donna

calorie

carboidrati

grassi


calorie

carboidrati

grassi

Uomo e donna hanno diverse esigenze nutritive. Le tabelle evidenziano queste differenze per la ricetta in esame. Va ricordato che l'apporto giornaliero di proteine è rispettivamente 55g e 44g.

Indicazioni sui principali allergeni

Questa lista di allergeni (rif. "EUFIC") ha solo carattere divulgativo. Ogni ingrediente o coadiuvante tecnologico usato nella preparazione di alimenti che provichi allergie o intolleranze alimentari deve essere segnalato nelle etichette dei prodotti in vendita o nei menu offerti nei posti di ristorazione.

Ricetta tigelle e gnocco fritto

Si impastano tutti gli ingredienti e si lascia lievitare per circa 2 ore.
A questo punto si staccano pezzetti di impasto e si formano delle palline di circa 4/5 cm di diametro.
Nel fare le palline, rimpastare come si dovessero fare dei panini.
Una volta finito di fare le palline, stendere con un matterello per ottenere dei dischi di circa 7/8 cm.
Il problema a questo punto è la cottura, in mancanza degli appositi strumenti che i nostri artigiani producono appositamente, la soluzione migliore è procurarsi 2 teglie con una piccola differenza di misura (quelle per le lasagne) che possano essere incastrate l'una nell'altra.
A questo punto si pongono sul fuoco a riscaldare, con la cotenna del prosciutto, si ungerà la parte interna della più grande e il fondo della più piccola.
Si porranno i dischetti fatti in precedenza sul fondo della grande e si inserirà la più piccola.
In questo modo le crescentine o tigelle, avranno sopra e sotto il metallo rovente.
Fare attenzione alla cottura, vanno rigirate spesso e saranno cotte quando la superficie prenderà un color miele carico e la crosta avrà una certa consistenza.
A questo punto verranno tagliate a metà in modo da ottenere due dischi e su uno dei due si spalma un pesto fatto da lardo o pancetta, battuto a coltello fino ad ottenere una crema assieme ad aglio e rosmarino.
Una spolverata di parmigiano reggiano e buon appetito.

Si possono anche mangiare con gli affettati o i formaggi.
Non male neppure con il coniglio o il pollo alla cacciatora.

Con lo stesso impasto delle tigelle, le nostre mamme facevano il gnocco fritto, stendevano l'impasto lievitato con il matterello fino ad ottenere uno spessore di 1/2 cm, poi con il coltello tagliavano dei rombi di pasta che veniva fritta in abbondante strutto e olio. Una volta dorati, si consumavano con salumi o formaggi.

Nota del team di Italian Taste

Impossibile calcolare l'apporto nutritivo perchè la farcitura è molto variabile e le quantità degli ingredienti dipendono dai gusti personali.

Un po' di storia

La Tigella montanara o crescentina, ha origine nel territorio del Frignano, in provincia di Modena, ed era in origine la colazione dei contadini.

Qual è il vino giusto per la ricetta " La ricetta delle Tigelle e dello Gnocco fritto "?

Il vino che viene abbinato in modo classico alla tigella o allo gnocco fritto è il Trebbiano di Romagna.

L'Emilia Romagna è una regione italiana con una storia gastronomica molto ricca. Noi abbiamo evidenziato nel tempo qualche ricetta tipica, i locali dove siamo stati a mangiare e che ci hanno convinto, qualche scheda di vino ... insomma alcune informazioni che vi potrebbero tornare utili