Cavatelli con la ricotta salata

Ricetta tradizonale del sud d'Italia tradizionale

Ingredienti / Dosi per 6

  • Cavatelli freschi - 800 g
  • Pomodorini a ciliegia - 700 g
  • Ricotta salata - 100 g
  • Aglio - 2 spicchi
  • Origano secco - 2 cucchiaini
  • Olio extravergine d'oliva - 8 cucchiai
  • Peperoncino
  • Sale
  • Difficoltà:
    facile
  • Tempi:
    preparazione: 10 minuti
    cottura: 30 minuti
  • Quante calorie ha una porzione?
    Energia: 473 (kcal) - 1979 (kJ)
    Proteine: 12,7 (g)
    Grassi: 18,3 (g)
    Carboidrati totali: 69,7 (g)
    di cui zuccheri: 5,5 (g)

Consulta l'infografica dell'apporto nutritivo.

Scarica il PDF della ricetta (119 download).
oppure usa il QRCode per memorizzarlo sul tuo smartphone QRCode per scaricare il PDF della ricetta

Calcola l'apporto nutritivo delle tue pietanze con il nostro calcolatore di calorie

Primo piatto povero realizzato con ingredienti semplici ma molto appetitoso.
La ricetta è molto semplice.
Lavare i pomodorini, tagliarli in quattro ed eliminare i semi interni. Far rosolare l'aglio in un tegame con un pezzetto di peperoncino, eliminarli ed aggiungere i pomodori. Regolare di sale e proseguire la cottura a pentola semicoperta per circa 20 minuti, mescolando di tanto in tanto. A fine cottura aromatizzare con l'origano.
Nel frattempo far lessare i cavatelli in abbondante acqua salata. Grattugiare la ricotta salata, metterla nella zuppiera e scioglierla con un mestolino dell'acqua di cottura della pasta. Scolare la pasta, versarla nella zuppiera, condire il tutto con il sugo con i pomodorini. Mescolare e servire immediatamente.

Suggerimenti

Qual è il vino giusto per la ricetta " Cavatelli con la ricotta salata "?

Il nostro suggerimento è: Montefalco Rosso (vino umbro).

Un po' di storia

Non si sa bene a quale regione attribuire la nascita di questa pasta: Puglia, Basilicata o Calabria? In realtà questi piccoli gnocchi di farina di grano duro e acqua, molto semplici, sono molto popolari in tutta l'Italia del Sud e vengono comunque conditi a volte in modo spartano, addirittura solo con olio e aglio. In Puglia spesso li preparano con la rucola e le olive, in Basilicata con le cime di rapa. I confini sono comunque molto sfumati.