Il lutto: come comunicare la morte

Partecipazioni, annunci murali e sul giornale, telegrammi, telefonate, sms

Come comunicare la morte di una persona cara? cosa dice il galateo? e il buon senso in tempi di tecnologia avanzata? Ci sono delle regole che spettano ai familiari stretti e altri comportamenti che competono agli altri parenti, amici e conoscenti. Cerchiamo di ricapitolarli.

La comunicazione della morte
La comunicazione della morte: annunci funebri

Cosa dice il galateo

  • - Prima di tutto la notizia della morte deve essere diffusa il pił possibile.
    Questo può avvenire prima delle esequie oppure per volontà del defunto o della famiglia a funerali avvenuti.
  • - La sobrietà è di rigore sia per i titoli che per la ricerca delle parole usate.
    È consentito l'uso dei titoli solo per i morti giovani.
    Per gli altri ricordate le parole di Totò: la morte è una livella.
  • - L'annuncio deve contenere, oltre alle generalità del defunto, ben chiaro il luogo dove avverrà la cerimonia funebre, il giorno e l'ora ed ogni altra indicazione utile ad organizzarsi per chi vuole partecipare.

pdf

Cosa dice il buon senso

Faccio di seguito l'elenco dei vari mezzi di informazione sottolinenando via via aspetti positivi e negativi di ciascuno. Tenete comunque presente che la sobrietà delle frasi è veramente importante. Il dolore per la perdita non si esprime certo con frasi "infiorettate" che puzzano lontano un metro di falsità.

  • - Annunci murali. Sono obbligatori. Si prenderanno con l'agenzia di pompe funebri gli accordi giusti per non utilizzare tutte i punti di affissione se si vive in una grande città ma solo le zone interessate o i luoghi nevralgici nella vita del defunto.
    In una cittadina o paesotto andrebbero affissi ovunque.
    Attenzione alle parole usate. Non cadete nella retorica. L'annuncio deve essere sobrio e parco.
    Piuttosto devono essere ricordati tutti i parenti del defunto nel dare l'annuncio in modo che chiunque legga possa riconoscerlo. A volte il nome ed il cognome del defunto può non suscitare nessuna correlazione ma il nome di un parente e dei suoi congiunti si.
  • - Annunci sui giornali. In genere sono da far pubblicare per i defunti ben conosciuti per la loro attività, qualunque essa sia. Possono partire dalla famiglia ma possono essere richiesti da amici o semplici conoscenti che vogliono testimoniare in questo modo la partecipazione al dolore.
    Anche in questi casi evitate titoli e retorica. A volte certi annunci sui giornali danno molto fastidio testimoniando più che altro rapporti di deferenza con parenti del defunto.
  • - Telefono o cellulare. Il telefono è il mezzo di comunicazione più pratico. Ci mette in contatto diretto con il parente o l'amico stretto con cui vogliamo parlare. Molto meglio degli SMS. Sono freddi e distaccati in questi momenti. Dare certe notizie così telegraficamente può suscitare reazioni indesiderate.
    Affidatevi a pochi familiari e amici che poi si incaricheranno di diffondere la notizia.
    Continuare a telefonare e parlare con tutti dello stesso argomento non aiuta certo chi è coinvolto più direttamente e poi purtroppo ci sono delle incombenze più urgenti.
  • - Telegramma. Meno che mai il telegramma. In un'epoca in cui tutti sono raggiungibili con il telefono non vi fate tentare da questo mezzo di comunicazione ormai desueto in questi casi. A meno che situazioni del tutto particolari non vi obblighino!
  • - Partecipazioni. Oggi assolutamente superate, veramente cose d'altri tempi.

I ringraziamenti dentro gli annunci. Da qualche tempo sta diventando un'abitudine inserire nello stesso annuncio la frase di rito dei ringraziamenti.
Questa cosa non la condivido. È l'ennesima testimonianza di quanto stiamo diventando pigri.
Non ci vuole poi molto a ringraziare personalmente quanti anche a spese del loro tempo hanno voluto esserci vicino.
Loro hanno mostrato affetto, perché noi no? ne parleremo nella pagina specifica dei ringraziamenti

Loretta

Cosa trovate nelle altre pagine

Per chi ha perso il familiare

Per chi deve partecipare al dolore

Condividi questa pagina con i tuoi amici!!!

Il lutto: come comunicare la morte

Vota questo articolo!

Voto medio: 3.4 / numero di voti: 8

 
blog comments powered by Disqus