La peperonata abruzzese

Le ricette di casa nostra Loretta Sebastiani

La ricetta della peperonata che vi presento è la versione che viene fatta a casa mia da diverse generazioni. L'ho imparata dalla mia nonna paterna abruzzese. Una perfetta combinazione di peperoni rossi e gialli e di patate sapientemente mescolate al pomodoro. Un piatto estivo particolarmente invitante. Buono a tutte le temperature. La classica ricetta da leccarsi i baffi. Tante altre ricette con le verdure nel nostro indice.
peperonata con peperoni rossi e gialli in un piatto di portata bianco
Peperonata abruzzese

Ingredienti / Dosi per 4

  • Cipolline novelle - 12 (300 g)
  • Porri piccoli - 2 (400 g)
  • Peperoni rossi - 2 (400 g)
  • Peperoni gialli - 2 (400 g)
  • Patate medie - 4 (600 g)
  • Passata di pomodoro - 400 g
  • Erba cipollina fresca - un ciuffetto
  • Vino bianco secco - 1/2 bicchiere
  • Olio extravergine d'oliva - 2 cucchiai
  • Basilico fresco
  • Sale
  • Difficoltà:
    facile
  • Tempi:
    preparazione: 30 minuti
    cottura: circa 40 minuti
    totale: 1 ora 10 minuti
  • Quante calorie ha una porzione?
    Energia: 254 (kcal) 13 % GDA (*) - 1062 (kJ)
    Proteine: 7,1 (g) 15 % GDA
    Grassi: 9,6 (g) 14 % GDA
    Carboidrati totali: 42,2 (g) 16 % GDA
    di cui zuccheri: 20,3 (g) 23 % GDA

Scarica il PDF della ricetta (172 download).
oppure usa il QRCode per memorizzarlo sul tuo smartphone QRCode per scaricare il PDF della ricetta

Indicazioni nutritive per uomo / donna

calorie

carboidrati

grassi


calorie

carboidrati

grassi

Uomo e donna hanno diverse esigenze nutritive. Le tabelle evidenziano queste differenze per la ricetta in esame. Va ricordato che l'apporto giornaliero di proteine è rispettivamente 55g e 44g.

Indicazioni sui principali allergeni

Questa lista di allergeni (rif. "EUFIC") ha solo carattere divulgativo. Ogni ingrediente o coadiuvante tecnologico usato nella preparazione di alimenti che provichi allergie o intolleranze alimentari deve essere segnalato nelle etichette dei prodotti in vendita o nei menu offerti nei posti di ristorazione.

Ricetta peperonata abruzzese

Preparazione

  • - Preparate porri e cipolle.
    Rimuovete le foglie esterne più dure.
    Affettateli sottili compresa la parte verde dei porri.
  • - Preparate i peperoni.
    Dividete i peperoni in quarti eliminando il picciolo.
    Rimuovete i semi e le costole bianche interne.
    Lavateli e tagliateli a strisce.
  • - Preparate le patate.
    Pelate le patate e pulitele con della carta da cucina.
    Tagliatele a tocchetti.

Cottura

  • - Mettete tutte le verdure in una casseruola con il vino, qualche mestolo d'acqua e la passata di pomodoro.
  • - Regolate di sale e avviate la cottura su fiamma dolce e a pentola semicoperta, girando di quando in quando.
  • - Continuate a cuocere fino a quando le verdure non sono tenere, aggiungendo altra acqua se necessario.
  • - Nel frattempo lavate basilico ed erba cipollina.
    Tamponate l'eccesso di acqua con carta assorbente da cucina.
    Sminuzzate le erbe aromatiche con le mani o tagliatele con un coltello di ceramica per evitare l'ossidazione.
    Mettetele da parte.

A tavola

  • - A cottura ultimata, lontano dal fuoco, aggiungete il basilico, l'erba cipollina, l'olio e mescolate.
  • - Servite la peperonata calda o a temperatura ambiente.

Suggerimenti

Consigli utili

  • - Se vi piacciono altre erbe aromatiche con i peperoni aggiungetele pure. Peperoncino compreso.
    Più la vostra peperonata è aromatica meno sale dovete aggiungere.
  • - Potete preparare la peperonata in anticipo. È molto buona anche riscaldata dal giorno prima.

Idea menu

  • - Questo contorno è ottimo per accompagnare il pollo arrosto, i petti di pollo, la fesa di tacchino, le bistecche di vitello o lo spezzatino di maiale, l'agnello grigliato, il coniglio lesso o arrosto o piatti a base di pesce.
    Attenzione però alle quantità della carne e del pesce. Ricordate che le porzioni giuste sono rispettivamente di 100 e 150 g.
    É anche un buon piatto unico se si preferisce non appesantirlo con la carne.

Note di alimentazione

  • - Devo dire che mia nonna in questo piatto dimostrava di essere avveniristica. Non soffriggeva le cipolle e usava l'olio a crudo a fornello spento. In realtà era il suo modo di cucinare le verdure. Io ho solo corretto la dose dell'olio. Lei ne usava decisamente di più.
  • - Perché è così importante evitare il soffritto e usare l'olio d'oliva a crudo?
    Il soffritto appesantisce il lavoro del fegato. E non è detto che renda i piatti migliori. Anzi, secondo me, in certi casi il piatto è molto più gustoso.
    Inoltre se l'olio d'oliva è di buona qualità il non farlo cuocere preserva sicuramente tutte le sue meravigliose proprietà nutritive.
  • - Alto l'apporto di fibre: 10,2 g, quasi la metà del quantitativo giornaliero!

Loretta