Capriolo su crostoni di polenta

Ricetta tradizionaletradizionale

Il capriolo con la polenta è semplice da fare ma richiede una marinatura che inizia la sera prima. La preparazione in sè non è molto lunga e, una volta sul fornello, cuoce da solo. Da scegliere per una cena con gli amici. Il metodo di cottura e gli ingredienti la indicano come ricetta mediterranea ma una cosa è sicura: la dieta mediterranea non prevede il consumo di carne rossa (in questo caso nera) con grande frequenza. Da qui la raccomandazione di prepararla solo per occasioni speciali.

capriolo in umido
zoom »
Capriolo e polenta

Ingredienti / Dosi per 3

  • Capriolo disossato e surgelato - 500 g
  • Carote - 100 g
  • Sedano - 40 g
  • Cipolline fresche - 120 g
  • Prezzemolo secco - 1 cucchiaio
  • Erba cipollina secca - 2 cucchiai
  • Chiodi di garofano - 3
  • Cannella in polvere - 1 cucchiaino
  • Maggiorana secca - 1 cucchiaino
  • Grappa - 100 ml
  • Vino rosso - 500 ml
  • Olio extravergine d'oliva - 3 cucchiai
  • Fette di polenta già cotta
  • Sale
  • Difficoltà:
    facile
  • Tempi:
    preparazione: 20 minuti
    più il tempo di marinatura
    cottura: circa 2 ore
    totale: 2 ore 20 minuti
  • Quante calorie ha una porzione?
    Energia: 401 (kcal) 21 % GDA (*) - 1679 (kJ)
    Proteine: 38,4 (g) 77 % GDA
    Grassi: 16,1 (g) 24 % GDA
    Carboidrati totali: 6,8 (g) 3 % GDA
    di cui zuccheri: 6,8 (g) 8 % GDA

Scarica il PDF della ricetta (228 download).
oppure usa il QRCode per memorizzarlo sul tuo smartphone QRCode per scaricare il PDF della ricetta

Indicazioni nutritive per uomo / donna

calorie

carboidrati

grassi


calorie

carboidrati

grassi

Uomo e donna hanno diverse esigenze nutritive. Le tabelle evidenziano queste differenze per la ricetta in esame. Va ricordato che l'apporto giornaliero di proteine è rispettivamente 55g e 44g.

Indicazioni sui principali allergeni

Questa lista di allergeni (rif. "EUFIC") ha solo carattere divulgativo. Ogni ingrediente o coadiuvante tecnologico usato nella preparazione di alimenti che provichi allergie o intolleranze alimentari deve essere segnalato nelle etichette dei prodotti in vendita o nei menu offerti nei posti di ristorazione.

Ricetta capriolo stufato con polenta

Preparazione

  • - La mattina del giorno prima. Ricordatevi di trasferire il capriolo dal congelatore al frigorifero.
  • - Se nel pomeriggio il capriolo non è ancora del tutto scongelato fate completare lo scongelamento a temperatura ambiente.
  • - La sera del giorno prima. Mettete a marinare il capriolo nel vino rosso in frigorifero.
  • - Il giorno dopo. Togliete la carne dalla marinatura, asciugatela con carta assorbente da cucina e mettetela da parte.
  • - Preparate un trito con il sedano, le cipolline e le carote.
    Mettetelo in una casseruola con l'olio e la carne.

Cottura

  • - Fate soffriggere la carne per qualche minuto su fiamma moderata, su tutti i lati, e poi bagnate con la grappa.
  • - Fate evaporare il liquore e versate dell'acqua calda o, se preferite del brodo vegetale, fino a coprire tutti gli ingredienti.
  • - Abbassate la fiamma e aggiungete i chiodi di garofano, la cannella e la maggiorana.
  • - Regolate di sale e proseguite la cottura, a pentola semicoperta, mescolando di tanto di tanto.
  • - Mantenete dell'acqua a bollore e aggiungetela quando è necessario.
  • - Cuocete fino a quando la carne è morbida.
  • - Fate ritirare l'intingolo di cottura fino al punto desiderato.
  • - Pochi minuti prima di spegnere aggiungete anche il prezzemolo e l'erba cipollina.

A tavola

  • - Fate gratinare delle fette di polenta, ungetela con un po' d'olio e disponela sui piatti.
  • - Versate sopra lo spezzatino di capriolo con l'intingolo di cottura.
  • - Servite.

Suggerimenti

Consigli utili

  • - Propongo questa ricetta con il capriolo surgelato perchè sul territoro italiano è molto difficile trovare carne di capriolo fresca. In ogni caso le confezioni di capriolo surgelato sono più pratiche perchè il capriolo è già disossato e tagliato a bocconcini. La quantità di carne è superiore alla norma ma ho tenuto conto dell'eccezionalità dell'evento. Il capriolo non si mangia tutti i giorni ed è giusto servire porzioni generose.
  • - Potete preparare la ricetta in anticipo lasciando un po' di intingolo ancora da ridurre. Completate la cottura poco prima di servire.

Idea menu

  • - Il capriolo con la polenta in genere si prepara per occasioni particolari sia in famiglia che quando si hanno ospiti.
  • - La domanda è: che cosa si può abbinare al capriolo con la polenta? io preparerei una serie di stuzzichini al formaggio, con verdure e con salumi delicati. Servirei il capriolo e poi il dolce. Non vi fate tentare da dolci con creme e panne. Questo è un piatto dal sapore intenso. Io punterei su dolci alla frutta e in particolare sull'ananas vestito. Dategli un'occhiata ;)) I link alle ricette nel paragrafo successivo.

I link utili per questa ricetta

Note di alimentazione

  • - L'apporto nutritivo del capriolo con la polenta è stato calcolato senza tenere conto della polenta e dell'olio per condirla.
  • - Non abusate di selvaggina e carne rossa in genere. Le porzioni di carne consigliate nell'arco della settimana non devono essere superiori a 3 - 4 dando la preferenza a carni bianche. In tali porzioni sono compresi anche i salumi (una porzione alla settimana in media).
  • - Il colesterolo di ogni porzione è 212 mg (fabbisogno giornaliero: 300 mg)
  • - Il contenuto di fibre è 1,9 g (fabbisogno giornaliero:30 g).
  • - Ricordate che se volete sorseggiare un po' di vino dovete aggiungere 80-85 kcal per 100 ml. 100 ml corrispondono ad un bicchiere da vino pieno.
  • - Tutte le mie ricette possono essere realizzate senza sale, il loro gusto deriva dall'abbinamento dei vari ingredienti.

Loretta

Qual è il vino giusto per la ricetta " Capriolo su crostoni di polenta "?

Mio marito ed io vi suggeriamo di abbinare al capriolo con la polenta il Barolo (vino rosso piemontese) oppure il Refosco dal Peduncolo Rosso (DOC Lison Pramaggiore). Noi vi segnaliamo il nostro Refosco preferito prodotto dall'azienda Le Carline di Pramaggiore che lavora solo uve biologiche certificate. Il suo profumo vinoso e intenso è unico. Per tornare a bere il vino che sa di uva. Abbiamo assaggiato anche il loro Refosco senza solfiti. Favoloso.